Riposo settimanale regolare e sentenza della Corte di Giustizia europea

13 febbraio

La Corte di Giustizia UE, nel mese di dicembre 2017, si ha pronunciato un importante sentenza con la quale ribadisce che nel settore dei trasporti su strada i conducenti non possono effettuare a bordo del veicolo il periodo di riposo settimanale regolare, facendo comunque salva la possibilità di fruire in cabina il riposo settimanale ridotto, come peraltro esplicitamente previsto dal Regolamento (CE) n. 561/2006, come ben specificato nel

COMUNICATO STAMPA n. 145/17 Corte di giustizia dell’Unione europea.

La sentenza è stata emessa a seguito di una controversia instaurata da un’impresa di trasporto con sede in Belgio, che ha proposto ricorso avverso la normativa belga che commina 1.800 euro di sanzione per la violazione del divieto di riposo settimanale.

Nella sentenza, la Corte accerta anzitutto che, ogni volta che il regolamento fa riferimento congiuntamente alle nozioni di «periodo di riposo settimanale regolare» e di «periodo di riposo settimanale ridotto», esso utilizza l’espressione generale «periodo di riposo settimanale».

Orbene, per quanto concerne la possibilità di effettuare i periodi di riposo a bordo del veicolo, il regolamento impiega l’espressione generale «periodo di riposo giornaliero» – che ricomprende i periodi di riposo giornalieri regolari e ridotti – e l’espressione specifica «periodo di riposo settimanale ridotto».

Secondo la Corte, poiché il legislatore dell’Unione non ha utilizzato l’espressione generale «periodo di riposo settimanale» per ricomprendere i due tipi di periodi di riposo settimanali, ne consegue manifestamente che ha avuto l’intenzione di consentire al conducente di effettuare i periodi di riposo settimanali ridotti a bordo del veicolo e di vietargli invece di fare lo stesso per i periodi di riposo settimanali regolari.

La Corte aggiunge poi che il regolamento persegue l’obiettivo essenziale del miglioramento delle condizioni di lavoro del personale del settore dei trasporti su strada e della sicurezza stradale in generale.