ADBLUE

18 maggio

In alcuni trattori stradali e autoveicoli, vengono installate le centraline emulatore Ad Blue e i fusibili SCR, essi convertono i nocivi NOx nello scarico dei vostri veicoli alimentati a diesel in innocuo azoto e vapore. Questo sistema riduce notevolmente le emissioni di ossidi di azoto, che come è noto sono la principale fonte di inquinamento atmosferico.

La legislazione di riferimento è datata 2005, la quale prevede che sui c.d. veicoli commerciali pesanti, siano installati questi sistemi.

Le manomissioni del sistema hanno l’obiettivo dell'eliminazione dell’utilizzo del sistema AdBlue SCR (Selective Catalyst Reduction).

I tecnici del settore, sostengono che le citate operazioni hanno come presunta spiegazione il risparmio sul costo del rifornimento dell'additivo e della sostituzione, in alcuni veicoli, della centralina.

È sottinteso che il motore, alimentato a diesel, continua a funzionare normalmente anche in assenza di AdBlue, con i sensori NOx non funzionanti.

Sotto l’aspetto sanzionatorio, il Codice della Strada (D.lgs. 285/92), prevede all’articolo 79 “Efficienza dei veicoli a motore e loro rimorchi in circolazione” ai commi 1 e 4 prevede le seguenti sanzioni:

1. I veicoli a motore ed i loro rimorchi durante la circolazione devono essere tenuti in condizioni di massima efficienza, comunque tale da garantire la sicurezza e da contenere il rumore e l'inquinamento entro i limiti di cui al comma 2.

4. Chiunque circola con un veicolo che presenti alterazioni nelle caratteristiche costruttive e funzionali prescritte, ovvero circola con i dispositivi di cui all'art. 72 non funzionanti o non regolarmente installati, ovvero circola con i dispositivi di cui all'articolo 80, comma 1 del presente codice e all'articolo 238 del regolamento non funzionanti, è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 87 a euro 344. La misura della sanzione è da euro 1.208 a euro 12.084 se il veicolo è utilizzato nelle competizioni previste dagli articoli 9-bis e 9-ter.

Inoltre, si potrebbe configurare anche l’applicazione dell’art. 80 “Revisioni” che al comma 5 detta quanto segue: “ Gli uffici della Direzione generale della M.C.T.C., anche su segnalazione degli organi di polizia stradale di cui all'art. 12, qualora sorgano dubbi sulla persistenza dei requisiti di sicurezza, rumorosità ed inquinamento prescritti, possono ordinare in qualsiasi momento la revisione di singoli veicoli.”